Studio Legale Bacci

Appalti: Il principio del favor partecipationis per l’integrazione del plico.

Il Consiglio di Stato con una recentissima sentenza, nel trattare la materia delle gare d’appalto, ha statuito su un importante questione ovvero sulla possibilità per il partecipante alla gara di procedere all’integrazione della documentazione a tal fine necessaria anche successivamente all’inoltro del plico a suo tempo spedito entro il termine di presentazione delle offerte.

Importante principio posto in evidenza dal Consesso è quello del favor partecipationis, sulla scorta del quale laddove la legge di gara non abbia stabilito alcuna espressa sanzione collegata in modo diretto all’unicità del plico allora non può che ritenersi

legittima la possibilità “d’una pluralità di plichi relativi ad un solo offerente e, quindi, la possibilità così d’ovviare, come nella specie, ad eventuali omissioni altrimenti insanabili e, quelle sì, colpite dalla sanzione espulsiva”.

Il provvedimento medico-legale definitivo e la decorrenza del congedo ai sensi dell’art. 929 del Codice dell’Ordinamento Militare (d. lgs. n. 66/2010)

La norma di cui all’articolo 929 del Codice dell’Ordinamento Militare stabilisce che il provvedimento che decreta la cessazione del militare dal servizio permanente per infermità con contestuale collocamento in congedo assoluto del medesimo decorre dalla data di scadenza del periodo massimo di aspettativa o dalla data dell’accertamento sanitario definitivo.

La nozione di accertamento sanitario definitivo, evocando il cristallizzarsi del giudizio sanitario di non idoneità permanente al servizio militare incondizionato, diventa tale all’esito dell’esaurimento dei termini e/o dei mezzi di reclamo interni all’amministrazione che l’ordinamento mette a disposizione dell’interessato.

Dunque, considerate peraltro le ripercussioni sul versante del trattamento pensionistico spettanti al militare a seguito del congedo assoluto, l’Amministrazione deve far decorrere il provvedimento di congedo assoluto dalla data in cui l’accertamento sanitario sia divenuto definitivo.

Trasferimento temporaneo

Il Nuovo Codice dell’ordinamento Militare:

Nuova pronuncia in materia di beneficio al trasferimento temporaneo del genitore dipendente delle amministrazione pubbliche con figlio minore di anni tre.

 

Il T.A.R. con la recentissima sentenza del 2012 ha accolto l’istanza del militare appartenente al Corpo della Guardia di Finanza tendente al riconoscimento del beneficio di cui all'art. 42 bis comma 1 del D.Lgs. n. 151/2001 sul presupposto dell’incostituzionalità del diverso trattamento riservato al personale delle “Forze Armate”.

Leggi tutto: Trasferimento temporaneo

Legge Pinto

 IL DIRITTO ALL’EQUA RIPARAZIONE – LEGGE PINTO.

Molti sapranno che uno dei prolemi principali della giustizia italiana è la lungaggine dei processi, che supera di molto la media degli altri Stati Europei.

Invero il Legislatore, spinto dalle pressioni a livello europeo, con la Legge 89/2001 è venuto in soccorso di tutte quelli che da anni attendono invano di soddisfare un proprio diritto, riconoscendo loro il risarcimento dei danni patrimoniali e morali seguiti alla lentezza della macchina della giustizia.

 

Nel nostro ordinamento il diritto al “termine ragionevole” è stato introdotto con la legge 4 agosto 1955 n. 848 che ha ratificato la Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ed è stato recepito oltre che con siffatta legge ordinaria anche nella stessa Carta Costituzionale ( art. 111, comma 2, Cost., aggiunto dall' art. 1 della legge costituzionale 23 novembre 1999 n. 2.)

 

Leggi tutto: Legge Pinto

Contatti

Indirizzo
Via Luigi Capuana 207, 00137  Roma Zona Montesacro Talenti

Telefono
+39 0686802392

Fax
+39 0682001470

Cell. Studio
+39 393 9551920